Blog: http://gommapiuma.ilcannocchiale.it

FUGA DI MEZZANOTTE [1977]

Un’avventura allucinante, ma vera, cominciata all'aeroporto di Istambul, città dove il traffico di droga e gli attentati terroristici negli anni 70, sono all'ordine del giorno. L'americano William Hayes, in vacanza in Turchia con la ragazza, tenta di passare inosservato con due chili di Hashish attaccati alla pancia. Qualcosa va storto e viene arrestato e messo in carcere. E' qui che conosciamo il vero volto della Turchia. Un volto crudele ed ingiusto che ci viene raccontato da Alan Parker, sotto sceneggiatura di Oliver Stone. Come il cognome di quest'ultimo infatti, la storia è veramente una "pietra" dura da mandare giù. Si alternano le torture, le grida, l'ingiustizia di un tribunale che giudica colpevole William Hayes facendogli rimpiangere quasi di essere nato, portandolo fino all'ergastolo. In un mondo così infernale solo la fuga rappresenta la salvezza verso un altro mondo fatto di amore familiare e vita giusta. Una condanna quella da scontare per William che riduce l'essere umano a vagare ignobile e privo di diritti, nel girone dantesco delle carceri turche.
Una sceneggiatura forte, una regia magistrale ed un protagonista, Brad Davis, assolutamente perfetto fanno di questo film un vero e proprio capolavoro.

Pubblicato il 25/10/2006 alle 11.54 nella rubrica Cinema.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web